Ep.-11_

#53: La Vigna dei Pastelli a Coazzolo (principiante)

In questo episodio di livello principiante del podcast siamo a Coazzolo, in provincia di Asti, e scopriamo insieme un luogo magico della città: la Vigna dei Pastelli.
LerniLango, Podcast Italiano
LerniLango, Podcast Italiano
#53: La Vigna dei Pastelli a Coazzolo (principiante)
/

Introduzione

In questo episodio di livello principiante del podcast siamo a Coazzolo, in provincia di Asti, e scopriamo insieme un luogo magico della città: la Vigna dei Pastelli.

Trascrizione 

State ascoltando “luoghi d’Italia”, una rubrica creata da LerniLango, uno spazio online per imparare la lingua italiana. Per maggiori informazioni e per leggere la trascrizione del podcast visita Lernilango.com.

Per adesso buon ascolto dell’episodio “La Vigna dei Pastelli a Coazzolo”,

Ciao a tutti e a tutte e bentornati e bentornate nella rubrica ‘luoghi d’Italia’. 

Se amate il vino e le lunghe passeggiate nella natura, questo episodio potrà interessarvi.

E dunque, iniziamo!

Coazzolo è un piccolo borgo italiano nella regione Piemonte. 

Coazzolo è un piccolo borgo piemontese tra due province italiane, cioè tra la provincia di Asti e la provincia di Cuneo.

La provincia di Asti e la provincia di Cuneo sono famose per la produzione del vino locale, infatti qui ci sono distese di colline e di vigneti.

Precisamente, la zona tra Asti e Cuneo corrisponde ad una regione di grande interesse storico-geografico, cioè la zona delle Langhe, una grande area piena di colline e di vigneti. 

L’origine del nome “Langhe” è incerta. Storicamente, però, il nome “langa” indicava una zona collinare, quindi proprio una collina.

La zona delle Langhe è molto famosa perché ci sono molti vigneti, cioè dei terreni dove è coltivata la vite per la produzione del vino.

Molti vini, champagne e spumanti italiani di alta qualità sono prodotti proprio in questa zona.

Inoltre, durante la Resistenza, in Italia, i partigiani hanno combattuto proprio nelle langhe! 

Le Langhe, oggi, sono riconosciute come “Patrimonio dell’Umanità”, dopo una riunione dell’UNESCO del 22 giugno 2014.

Un territorio è riconosciuto come “Patrimonio dell’Umanità” quando ha un grande interesse storico e culturale, e quindi per questo appartiene ad ogni persona umana.

Ed è proprio in questa zona delle Langhe che troviamo il piccolo borgo di Coazzolo.

Coazzolo è’ un borgo davvero molto piccolo, pensate che ci sono solo 298 abitanti. 

Le origini di Coazzolo sono molto antiche e da sempre l’economia di questo borgo è basata sulla produzione e sulla vendita del vino.

Ci sono poche notizie sulla storia antica di questo borgo.

Sappiamo che il borgo aveva già degli abitanti in epoca romana.

Il nome del borgo “Coazzolo” è apparso per la prima volta in un documento del 13 aprile 1196, ma non ci sono altre notizie antiche su questo borgo.

Coazzolo è un borgo poco conosciuto ed è lontano dai principali giri turistici e dalle principali città.

Coazzolo è un borgo da visitare se amate la natura, il trekking, il vino, le passeggiate nella natura e la vita all’aria aperta.

Le colline di Coazzolo offrono panorami bellissimi e molto colorati.

La zona delle Langhe sembra come la tavolozza di un pittore, perché ci sono molti colori in questo territorio.

Il verde delle colline, il blu del cielo, il rosso del vino Moscato e il giallo del sole che rende piacevole una passeggiata tra i vigneti piemontesi.

Vi incuriosisce fare una passeggiata tra i vigneti e sentire l’odore del vino? A Coazzolo potete farlo, e, fidatevi, sarà una grande meraviglia.

Qui, infatti, c’è un vigneto speciale e molto colorato.

La “Vigna dei Pastelli” è un vigneto speciale perché tra le viti ci sono delle enormi matite colorate.

Queste grandi matite sostituiscono il tradizionale palo di cemento o il palo di metallo.

Solitamente, nei vigneti ci sono dei pali di cemento per sorreggere i fili dove poggiare la vite.

L’ “Azienda Agricola Anfosso Piercarlo” è la proprietaria della Vigna dei Pastelli.

La scelta di inserire queste grandi matite è sicuramente una scelta molto creativa ed originale e queste matite colorate riprendono i colori del paesaggio circostante.

Ma non solo, la scelta di inserire queste enormi matite colorate ha un obiettivo ben preciso, cioè quello di attrarre la curiosità delle persone e stimolare il loro interesse verso un’arte molto antica come quella della produzione del vino.

In questo posto speciale, oltre ai grandi matitoni, ci sono anche dei grandi cesti di vimini, una panchina colorata dove sedersi e un grande tavolo dove mangiare qualcosa.

La decorazione ad arte, cioè con oggetti colorati, è una cosa strana in un vigneto. 

Infatti solitamente in un vigneto ci sono altri elementi come trattore e attrezzi per lavorare la terra.

La decorazione ad arte allora può essere un’idea molto bella per spingere le persone a scattarsi selfie sul posto e a scattare anche delle foto al panorama.

Tutto questo rende il posto bello ed interessante, posto che diventa così sempre più famoso.

Sulla pagina Instagram “lavignadeipastelli”, potrete trovare tante foto di questo bellissimo vigneto nel borgo di Coazzolo.

Se vi piacciono le passeggiate nella natura e se amate il vino, sono sicura che questo luogo vi piacerà molto.

Magari potrete passeggiare tra la Vigna dei Pastelli con in mano un buon bicchiere di Moscato rosso, un vino molto famoso della regione Piemonte.

Quindi, buona passeggiata e alla prossima!

Scopri di più su lernilango.com.

Condividi questo post

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su email
Email

Puoi aumentare o diminuire la velocità dell’audio:

como diminuire la velocità

Puoi cliccare sulle parole (1) per aprire la loro definizione (2):

come consultare il vocabolario