LerniLango Newsletter #3: Avere della Stoffa.

Devo dire che le e-mail non mi piacciono molto, e credo perché hanno una struttura troppo rigida , e quindi non consente alla lingua di essere atletica , flessibile, elastica 🧘🏼‍♀️.

Se fossero uno sport le e-mail sarebbero il golf 🏌🏽‍♂️, se fossero invece un indumento sarebbero quei corsetti 👸🏽 che in passato strizzavano i busti delle donne come salami!

A me invece piace una lingua che è come la ginnastica ritmica 🤸🏽‍♀️, il pattinaggio sul ghiaccio ⛸, il nuoto sincronizzato 🏊🏽‍♀️, la pallavolo 🏐, insomma sport con una trama più bella, ed un movimento più dinamico 🧬. 

Se dovessi associare la lingua che amo ad un indumento la assocerei ai calzini 🧦: indispensabili, comodi, con mille trame.

Le formule di apertura poi mi stanno proprio antipatiche: 👔spettabile, egregio, gentile, carissimo … Tutti aggettivi che dubito potrete mai sentire mentre qualcuno parla , e che dubito potrete mai usare per parlare in italiano 🤦🏻. 

Caro e cara mi piacciono, ma non ne sono comunque una grande fan !

Perché questo sproloquio?  
Perché è una tortura 🤯 ogni settimana scrivere l’introduzione della newsletter: la struttura rigida della e-mail è così radicata nella mia competenza linguistica da non permettermi di “rilassarmi” mentre scrivo; le formule di apertura, invece, non mi sembrano mai adeguate. 

Perché, dunque, condivido questo sproloquio con te ? 
Perché vorrei sapere se anche tu senti questa rigidità nelle e-mail (in generale) e nelle mie e-mail (in particolare): se sì, hai dei consigli da darmi per ‘ sciogliermi ‘? Cosa fai tu per scrivere e-mail più amichevoli? 

Mi piacerebbe saperlo !

Adesso, fatta questa introduzione, passiamo ai suggerimenti letterari e non 🤓

Questa è stata una settimana a tema GRANDI IDEE , e ora capirete perché. 


Partiamo dal libro 📚, come sempre.
Questa settimana ho ascoltato “ Noi siamo tempesta ” di Michela Murgia in versione audiolibro  su Audible (ma potete trovare anche la versione cartacea).

Il cuore del libro è riassunto nel TED Talk tenuto dalla scrittrice a Torino, ecco il link 👉🏽 QUI (così fate anche un po ‘di pratica di ascolto 🙃) .

Il libro racconta storie alternative alle storie di eroi ed eroine che abbiamo ascoltato durante la nostra infanzia, racconta storie (vere) di collaborazione e lavoro di squadra 👫👭👬.

Le mie preferite sono quelle di Wikipedia, del coro delle mani bianche in Venezuela e infine la storia dell’isola di San Domino . 

Penso che sia una grande idea quella di un ‘ genio collettivo ‘ fatto di persone con capacità diverse che collaborano per migliorare qualcosa, contrapposte al ‘ genio solitario ‘ senza amici e contro tutto il mondo.


Film 🎥.
Il film della settimana è “L’isola delle rose”, un film italiano che trovate su Netflix (con sottotitoli e doppiaggio in varie lingue).

Il film è tratto da una storia vera , e racconta la storia di un ingegnere bolognese meravigliosamente folle che decide di fondare e costruire uno stato indipendente (una piccola isola 🏝) nelle acque internazionali, a 11 km dalla costa di Rimini.

Lo stato si chiamava “isola delle rose” 🌹, aveva una sua moneta, suoi francobolli e l’esperanto come lingua ufficiale. 

Una storia INCREDIBILE e VERA ! 

“Non trovo ciò che mi serve? Allora me lo costruisco da solo! ”, (Questa era la filosofia dell’ingegnere, una grande idea , direi).

Ecco una foto dell’isola 
👇🏼
Musica 🎶, infine.
Ispirata dal clima ‘ rivoluzionario ‘ di queste grandi idee ho deciso di riascoltare Loredana Bertè , la regina del rock italiano (la versione italiana di Madonna , solo meno famosa 🙃). 

La canzone è “ E la luna bussò ”, canzone che tanti anni dopo il rapper italiano Fabri Fibra ha reinterpretato in versione rap con la sua “ La pula bussò ” (pula = polizia): tutt’altro stile e tutti altri contenuti.

Vi consiglio di ascoltare le due versioni su YouTube (ci sono i sottotitoli) e di confrontare i contenuti: è un esercizio molto divertente  🙃.

Ho finito con i suggerimenti , e passiamo dunque al podcast extra della settimana  ➡️  https://youtu.be/ifauXxanwgs .

Anche questa settimana sono rimasta in tema ‘ tessile ‘, e ho scelto per te l’espressione ‘ avere della stoffa ‘. Prima di concludere ti ricordo che ho pubblicato una videolezione su YouTube in cui spiego la differenza tra Imperfetto e Passato prossimo  in italiano. Sul sito trovi degli esercizi per praticare questi due tempi 📝
 📌 Poi, sono usciti due nuovi episodi del podcast :- ” Bagnomaria e Bastian contrario: quando le persone danno i nomi alle parole ” scritto e registrato da me per la rubrica ” le cose italiane “;- “ Che cos’è il panettone ” per la rubrica “ cibo d’Italia ”, scritto da Enrica Passalacqua e registrato da me.
 Ho finito con le notizie, anche per oggi!Ti ringrazio – e non smetterò mai di farlo – per il tuo supporto a questo progetto, è davvero fondamentale per noi.

Ti auguro uno splendido e sereno Natale, a te e a tutta la tua famiglia!Buona settimana e alla prossima!

Simona

Condividi questo post

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Puoi aumentare o diminuire la velocità dell’audio:

como diminuire la velocità

Puoi cliccare sulle parole (1) per aprire la loro definizione (2):

come consultare il vocabolario